Annunci

Archivi del giorno: settembre 4, 2014

Precisazioni sull’incidente del mercantile Altinia nel Golfo di Aden

Roma, 4 settembre 2014 – In merito a quanto apparso su alcuni articoli di stampa inerenti l’incendio a bordo che ha visto coinvolto il mercantile Altinia lo scorso 6 maggio nel Golfo di Aden, lo Stato Maggiore della Difesa segnala alcune precisazioni sulle attività di assistenza assicurate, senza soluzione di continuità, a favore dell’equipaggio e del mercantile con a bordo i mezzi ed il materiale militare in rientro dall’Afghanistan.

Al momento dell’incidente, il mercantile Altinia stava navigando in un’area in cui operava a protezione del traffico marittimo una nave militare cinese (la Fregata CHAO HU) impegnata in pattugliamento antipirateria secondo il consolidato coordinamento tra le forze multinazionali presenti in area, tra cui la nave Mimbelli.

L’equipaggio è stato prontamente recuperato dall’unità cinese e dopo poche ore è stato trasbordato su altra nave mercantile italiana presente nella stessa zona (Jolly Diamante), dirottata dalle Autorità Marittime nazionali. Nel frattempo Nave Mimbelli, in sosta logistica a Gibuti nell’ambito della missione NATO antipirateria Ocean Shield, ha lasciato, su disposizioni della difesa, il porto e si è diretta verso l’Altinia per raggiungerla alla massima velocità.

Dopo meno di dodici ore la nave Mimbelli ha raggiunto la scena d’azione, anticipata dal proprio elicottero ed è subentrata alla nave militare cinese nella protezione della motonave Altinia, prendendo a bordo l’equipaggio.

Il cacciatorpediniere Mimbelli ha quindi assicurato protezione ed assistenza all’Altinia sino all’arrivo dei rimorchiatori, garantendone successivamente la scorta durante il transito a rimorchio fino al porto di Jebel Ali, negli Emirati Arabi Uniti, dove è stato scaricato il materiale militare imbarcato per il successivo rientro in Italia.

Il positivo esito dell’evento rappresenta una concreta testimonianza dell’efficace coordinamento e della cooperazione interagenzia ed internazionale nell’ambito all’attività di antipirateria che hanno permesso la continua assistenza e protezione alla nave italiana ed al suo equipaggio.

© All rights reserved
Fonte: Stato Maggiore della Difesa
Annunci

Nave Andrea Doria nel Golfo di Aden: antipirateria e cooperazione 

Golfo di Aden, 4 settembre 2014 – La nave Andrea Doria continua le sua attività di contrasto del fenomeno della pirateria per la protezione del traffico mercantile nel Golfo di Aden e nell’ Oceano Indiano, nell’ambito della missione ATALANTA.

Oltre ai differenti friendly approach, gli approcci condotti sulle imbarcazione che transitano nell’area al fine di acquisire informazioni utili sulle possibili attività di pirateria, l’elemento essenziale per il successo della missione è rappresentato dalla cooperazione con le unità appartenenti alle altre Task Force operanti in area di operazione.

Per questo Nave Doria già lo scorso 28 agosto ha svolto una prima attività congiunta con la nave australiana HMAS Toowoomba, appartenente alla Task Force 150, con esercitazioni volte a testare la capacità di integrazioni tra marine differenti e il 2 settembre,  con la nave giapponese Takanami, Flagship della Sesta Divisione, impegnata nelle attività di scorta del traffico mercantile all’interno dell’IRTC (International Recommended Transit Corridor), nonché parte della Task Force 151.

Nel pomeriggio, terminata l’attività con l’unità giapponese, Nave Doria ha ripreso il suo pattugliamento nell’area di operazioni assicurando la sua presenza nel contrasto al fenomeno della pirateria.

CHE COSA È LA MISSIONE ATALANTA

ATALANTA è il nome dell’operazione navale dell’Unione Europea per prevenire e reprimere gli atti di pirateria marittima lungo le coste della Somalia in sostegno alle Risoluzioni 1814, 1816, 1838 e 1846 adottate nel 2008 dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Il suo mandato consiste nel proteggere le navi mercantili che transitano da e per il Mar Rosso ed inoltre svolge attività di scorta alle navi mercantili del programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, incaricate di consegnare aiuti alimentari in Somalia.

Le navi dell’Unione Europea operano in una zona che comprende il Golfo di Aden, il Corno d’Africa e l’Oceano Indiano fino alle Isole Seychelles.

© All rights reserved
Fonte: Marina Militare


OpinioniWeb-XYZ

Oltre il bar dello sport: opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa e Cooperazione Internazionale

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade