Annunci

Archivi del giorno: luglio 2, 2014

Officiate le esequie del capitano Antonio De Falco

Acerra (Na), 2 luglio 2014 – Nella Chiesa del Gesù Redentore di Acerra (Na) questa mattina, sono state officiate le esequie del capitano Antonio De Falco, deceduto lunedì mattina a seguito di un tragico incidente in cui era rimasto coinvolto lo scorso 25 giugno a bordo di un automezzo militare mentre percorreva l’autostrada A18 (Catania-Messina) vicino Giarre (CT). Alla cerimonia funebre ha presenziato il capo di stato maggiore dell’esercito, generale di corpo d’armata Claudio Graziano che ha incontrato la madre Carmela Pirolo, il padre Raffaele e la sorella Vincenza e a loro ha rinnovato la sua personale solidarietà e quella di tutta la Forza Armata.
La città di Acerra si è stretta intorno alla famiglia. Parenti, amici e colleghi di lavoro sono intervenuti numerosi per l’ultimo saluto ad Antonio. Presenti alla cerimonia, inoltre, numerose autorità civili e i principali vertici militari della regione Campania e Sicilia, oltre al sindaco di Acerra Raffaele Lettieri.
All’ingresso della chiesa un picchetto armato del 62 reggimento fanteria Sicilia di Catania, reparto nel quale Antonio prestava servizio dal 2011, ha reso gli onori militari al feretro. La lettura della preghiera del fante e le note del silenzio hanno concluso la cerimonia religiosa.

© All rights reserved
Fonte: Stato Maggiore dell’Esercito

 

Annunci

Dalla difesa all’impresa: missioni al femminile, l’associazione Valore D in collaborazione con l’esercito italiano

c8539ce5-f6fe-4b85-bc52-13b401e1acbdok_femm

Roma, 2 luglio 2014 – Domani presso la Biblioteca Militare Centrale di Palazzo Esercito in via XX settembre a Roma, dalle 10,00 alle 13,30, si svolgerà l’evento Dalla difesa all’impresa: missioni al femminile organizzato dall’associazione Valore D, che riunisce 112 grandi aziende per promuovere lo sviluppo del talento femminile in azienda e nelle organizzazioni, in collaborazione con l’Esercito Italiano.
Dopo un saluto di apertura della Vice-Presidente di Valore D, Barbara Saba, direttore generale Fondazione Johnson & Johnson, il ministro della difesa Roberta Pinotti aprirà i lavori.
A seguire la prima tavola rotonda, moderata dal direttore di RAINews24 Monica Maggioni, che proporrà un confronto sul ruolo delle donne nelle Forze Armate a sostegno della crescita delle imprese nei teatri operativi in cui è presente l’Esercito Italiano.
Parteciperanno alla discussione il generale Claudio Graziano, capo di stato maggiore dell’Esercito Italiano, il capitano Francesca Giardulli, già membro del Femal Engagement Team (FET) in Afghanistan e Umberto Saccone, senior vice president security di ENI.
Porteranno, inoltre, la loro testimonianza anche Sara Scagliotti, Geoscience manager di ENI, e l’afghana Sima Pajman, direttore del carcere femminile di Herat.
Nella seconda tavola rotonda, moderata dal giornalista Andrea Purgatori, il ministro Pinotti racconterà il percorso professionale che l’ha portata a diventare la prima donna a ricoprire questa carica nella storia della Repubblica Italiana, condividendo la propria esperienza con il pubblico in sala, attraverso il confronto con tre donne manager delle aziende associate a Valore D: Maria Mariniello del Gruppo Industriale Maccaferri, Valentina Saffioti, direttore della comunicazione di AstraZeneca Italia e Iliana Totaro, responsabile People Care presso ENEL.
L’attività sarà trasmessa in diretta streaming e visibile sul seguente indirizzo: www.esercito.difesa.it

© All rights reserved
Fonte: Stato Maggiore dell’Esercito


Il 2° FOD verifica le capacità del soccorso sanitario

San Giorgio a Cremano (NA), 2 luglio 2014 – Si è conclusa nei giorni scorsi, l’esercitazione sanitaria (MEDEX- Medical ExerciseValetudinarium 2014, nella caserma Antonio Cavalleri, sede del 2° Comando delle Forze di Difesa (2° FOD). Un’esercitazione per addestrare gli assetti e il personale sanitario della caserma nella condotta e nello sviluppo di attività di soccorso specifiche normalmente svolte in un teatro operativo e che rientrano nel Tactical Combact Casualty Care.
Concepita dal 2° FOD, l’esercitazione si inserisce nel progetto dei provvedimenti adottati dal comandante del 2° FOD, generale di corpo d’armata Vincenzo Lops, per la tutela e la sorveglianza della salute dell’uomo-soldato al fine di migliorare il potenziale fisico del combattimento, ma anche di testare la prontezza e la capacità dell’intera filiera dei soccorsi, a partire dalla figura del soccorritore militare e degli assetti sanitari, nella gestione di situazioni di crisi con simulazioni molto realistiche ed aderenti alle esigenze operative.

Per l’occasione, è stato previsto lo schieramento di un ROLE 1 (Sostegno sanitario in operazione livello rgt/btg), di un Po.Me. (Posto Medicazione) mobile del Reparto Comando e Supporti Tattici “Acqui” e l’attivazione di venti operatori suddivisi in due team.
Gli argomenti proposti hanno riguardato eventi traumatici a crescente gravità e difficoltà di trattamento.
Tutti gli operatori coinvolti hanno svolto gli esercizi con elevata capacità d’intervento e grande sintonia permettendo di raggiungere gli obiettivi preposti.

© All rights reserved
Fonte: Comando delle Forze Operative Terrestri


Operazione Kura: i carabinieri arrestano banda criminale georgiana specializzata in furto e ricettazione in Nord Italia

Città e aree di azione del gruppo criminale

Città e aree di azione del gruppo criminale

Novara, 2 luglio 2014 – Quarantaquattro persone di nazionalità georgiana, croata, peruviana, bulgara e quattro italiani sono state arrestate dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Novara, nell’ambito dell’operazione KURA.

Piemonte, Lombardia e Veneto erano le regioni prese di mira dagli arrestati, appartenenti ad agguerrite bande specializzate in furto ed abili ad aprire qualsiasi tipo di porta, che hanno depredato abitazioni e ville, anche in altre regioni italiane.

Le indagini sono iniziate nel luglio del 2013, e fanno parte di attività avviate dal 2008, nel serrato contrasto ai reati predatori, diventati nell’ultimo periodo una vera emergenza nazionale, favoriti anche dal perdurare del grave stato di crisi economica.

Destinazione finale dei beni intercettati

Destinazione finale dei beni intercettati

Dieci mesi di attività investigative, pedinamenti, operazione tecniche hanno permesso agli inquirenti di individuare sia gli esponenti apicali dell’organizzazione criminale georgiana, sia la filiera della ricettazione dei preziosi rubati fino ad arrivare a due fratelli italiani B. L. e B. G. Proprio su di loro, negli ultimi mesi, si sono concentrate le attenzioni degli investigatori. I militari dell’arma hanno seguito il  il percorso della ricettazione della merce rubata dalle squadre georgiane e sono riusciti a localizzare il punto di snodo dei preziosi rubati in buona parte d’Italia. Nel frattempo hanno fatto irruzione nei due negozi compro oro, organicamente inseriti nella filiera della ricettazione, e hanno sequestrato un vero e proprio tesoro: oltre 45 kg di monili in oro, costituito in prevalenza da bracciali, collane, anelli, collier di altissima fattura corredati da pietre preziose, nonché da oltre 37.000 euro in contanti. Le perquisizioni sono state estese anche alle cassette di sicurezza dove era occultata la merce più interessante, che sarebbe poi stata portata in Svizzera.

Tra i georgiani arrestati, spiccano, per la loro dimensione criminale europea, le figure di due Ladri in legge (conosciuti nel linguaggio europeo come Thieves in law), il primo E.A., arrestato a fine gennaio a Verona, ed il secondo M.G., arrestato a marzo a Cernusco sul naviglio (MI).
Dopo accertamenti investigativi, i due georgiani sono stati individuati come gli esponenti chiave dell’organizzazione criminale della mafia russa attiva in Europa.

I paesi stranieri in contatto con il capo dell'organizzazione criminale

I paesi stranieri in contatto con il capo dell’organizzazione

Nell’ambito dell’operazione “KURA“ le varie attività di contrasto del Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Novara hanno permesso di deferire alla competente Autorità Giudiziaria in stato di libertà 36 persone e di arrestare in totale 44 soggetti. Gli investigatori hanno sequestrato in totale  45 Kg di oro, oltre 2 quintali di suppellettili vari in argento,  93.000 euro e valuta straniera in contanti, crogioli per fondere i metalli nonché cinque serrature da “allenamento“, con le quali i soggetti georgiani mantenevano costantemente la manualità necessaria ad operare su qualsiasi porta, blindata e non. Tutti gli arrestati sono stati fermati per Associazione a delinquere finalizzata alla commissione di furti in abitazione Ricettazione aggravataPossesso ingiustificato di chiavi alterate e grimaldelli e documenti falsi idonei all’espatrio.

I Carabinieri di Novara invitano tutte le persone che hanno subito furti dall’inizio del 2014 a contattare il numero 0321/3791 per visionare la merce recuperata.

© All rights reserved
Fonte: Arma dei Carabinieri / Centrale operativa di Novara
Immagini: © Centrale operativa di Novara


Da Mogadiscio all’Italia, così è stato commemorato il Checkpoint Pasta…

2 luglio 2014 – Commemorazioni da Mogadiscio all’Italia per i tre militari che 21 anni fa hanno perso la vita per la Patria, nella “giornata più difficile dell’operazione Ibis”, la battaglia del Checkpoint Pasta di Mogadiscio (la battaglia del pastificio), durante l’operazione Canguro del 2 luglio 1993. Il sottotenente Andrea Millevoi del reggimento Lancieri di Montebello, il sergente maggiore Stefano Paolicchi, del 9º Reggimento d’assalto paracadutisti Col Moschin e il caporale Pasquale Baccaro, 186º Reggimento paracadutisti Folgore, tre eroi a cui è stata data la medaglia d’oro al valor militare (MOVM) alla memoria. Altri 36 militari italiani rimasero feriti.

La ricorrenza è stata celebrata con la deposizione di una corona d’alloro a Mogadiscio, alla presenza dei militari del 186 Reggimento Paracadutisti Folgore e del personale EUTM Somalia internazionale. Tra i militari presenti il 1 maresciallo Lgt Giampiero Monti, con riconoscimento di medaglia d’argento al valor militare, perché rimasto gravemente ferito durante la battaglia. A proposito di quei tragici momenti il Maresciallo sottolinea “Nessun commento, solo ricordi indelebili. Siete e sarete sempre con me. Non vi conoscevo ma da quel giorno siamo Fratelli.” 

Nella caserma Ugo Mara è stato inaugurato un monumento in memoria ai caduti, donato dall’ANPdI Lombardia, alla presenza del tenente colonnello Gianfranco Paglia, Medaglia d’Oro al Valor Militare, rimasto gravemente ferito durante la battaglia, facendo da scudo ad alcuni dei suoi uomini. Ora sta su una sedia a rotelle, ma non ha rinunciato alla divisa, è rimasto fedele al suo giuramento continuando a servire la Patria.

I militari della caserma del reggimento dei Lancieri di Montebello di Roma hanno ricordato il sottotenente Andrea Millevoi, con la deposizione di una corona d’alloro davanti alla targa commemorativa del militare caduto durante la missione di pace a Mogadiscio. Il sottotenente, di soli 21 anni, era capo equipaggio di un autoblindo B1 Centauro dei Lancieri di Montebello e venne colpito a morte da una raffica di kalashnikov.

Hanno combattuto con Onore, Lealtà e amor di Patria. Rispetto a loro e alle loro famiglie, e a tutti i caduti.

 

© All rights reserved

Se siete al corrente di altre celebrazioni commemorative scrivete alla redazione: militarynewsfromitaly@gmail.com


Carabinieri, operazione Kura: arrestate 44 persone “esperte” in furto di abitazione

Novara, 2 luglio 2014 – Conclusa la notte scorsa una vasta operazione dei Carabinieri di Novara inerente il contrasto dei furti in abitazione. Quarantaquattro le persone arrestate, in prevalenza di etnia georgiana, appartenenti alla cosiddetta “mafia russa“ da tempo operante soprattutto nel nord Italia. Le indagini coordinate dalla procura di Milano, hanno consentito di ricostruire l’organigramma delle varie batterie operanti in varie regioni individuandone capi e gregari. Ingentissimo il materiale sequestrato nel corso dell’operazione, composto in prevalenza da monili in oro (45 kg) e argento (circa 2 quintali di suppellettili vari).

Nel complesso sono stati sequestrati beni per oltre 3 milioni di euro. 

© All rights reserved
Fonte: Arma dei Carabinieri (Centrale Operativa di Novara)

 


Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa e Cooperazione Internazionale

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade